News

^  ^  ^  ^  ^  ^  ^  ^  ^

^  ^  ^  ^  ^  ^  ^  ^  ^

^  ^  ^  ^  ^  ^  ^  ^  ^

 

 

June 2014 - We joined the National Permanent Observatory on Justice Delivery invited by the National Bar Council, Rome

 

 

 

 

May 2014 - Speech at International Conference "Promises and Limits of Effective Justice", May 20-21, 2014 (Judicial Academy - Kromeriz, CZ)

 

 

May 2014 - Speeches at 1st National Conference on Italian Judicial System "#lanuovagiustizia@: equilibrio finanziario, innovazione, diritti dei cittadini", May 9-10, 2014 (Parma - Associazione Italiana Giovani Avvocati, AIGA)

 

 

 

May 2014 - Speech at 18° Italian Court Management Association Conference "Persone e tecnologie: da dove partire per migliorare il servizio giustizia", May 8-10, 2014 (Ancona, Italy - ADG)

 

 

 

April 2014 - Paricipation to "XVII Cumbre Judicial Iberoamericana" and to "V Feria de Justicia y Tecnologia", April 2-5 2014 (Santiago de Chile)

 

 

March- April 2014 - Invitation to a Study Visit at the Ministry of Justice in Chile and signing an agreement of cooperation, March 30 - April 1, 2014 (Santiago de Cile)

 

 

 

March 2014 - Study Visit in Italy of a "Jordanian Justice Delegation", promoted by the Council of Europe and organized by IRSIG-CNR in cooperation with the Court of Appeal and the Tribunal of Turin, March 25-27 - 2014 (Bologna and Turin)

 
ALL NEWS ...
 

Knowledge for Justice

Knowledge for Justice

Flash

  • image
  • image
  • image
  • image

traspa

<<  September 2014  >>
 Mo  Tu  We  Th  Fr  Sa  Su 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
2930     
  • image
  • image

EMail Print

IRSiG-CNR

Event 

Title:
Il Mandato d'Arresto Europeo tra norma e prassi in quattro Paesi europei
When:
26.03.2010 - 26.03.2010
Where:
CTLab c/o Giudice di Pace Bologna - Bologna
Category:
Seminari / Seminars

Description

Come partecipare

L’iniziativa è ad invito.

Abstract

Questo seminario si inserisce nell’ambito di un progetto di ricerca che si avvale di un finanziamento della Commissione Europea dal titolo “Il mandato di arresto europeo: profili giuridici ed operativi” (“The European Arrest Warrant: in Law and Practice”) coordinato dal Centro di Studi Sociali, dell’Università di Coimbra, Portogallo, in collaborazione con l’Istituto di Ricerca sui Sistemi Giudiziari del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna, la Facoltà di Giurisprudenza, Università di Utrecht e l’Associazione dei giudici spagnoli.

L’attività svolta sino ad ora ha riguardato il confronto tra la Decisione Quadro del Consiglio dell’Unione Europea del 13 giugno 2002 relativa al mandato d’arresto europeo e alle procedure di consegna tra Stati membri (2002/584/GAI, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 18-07-2002) e le leggi di attuazione nei quattro paesi coinvolti, l'analisi della giurisprudenza delle corti superiori (nel caso italiano le decisioni della Corte di Cassazione), una serie di interviste a testimoni qualificati coinvolti a vario titolo nell’uso dello strumento e l'analisi di un campione di fascicoli presso le autorità coinvolte nei diversi Paesi (nel caso italiano presso il Ministero della Giustizia). E' stato inoltre inviato, sempre negli uffici giudiziari dei quattro Paesi partecipanti,un breve questionario sull'argomento da compilare on-line.

Il mandato d'arresto europeo nasce come strumento destinato a rafforzare la cooperazione tra le autorità giudiziarie degli Stati membri sulla base del principio del mutuo riconoscimento delle decisioni in materia penale. L’osservazione dell’implementazione di tale strumento nei vari contesti nazionali dei Paesi Membri ha evidenziato una notevole disomogeneità sia in relazione alla formulazione delle leggi di attuazione sia in relazione alla sua applicazione pratica.

Prendendo spunto dai primi risultati della ricerca in corso, sono state individuate almeno tre aree che sembrano essere particolarmente critiche e che questo Seminario si propone di approfondire attraverso il contributo di tutti i partecipanti .

  • La prima area riguarda l’assetto normativo e l’applicazione del MAE ai casi concreti, ed in particolare la complessità e le tensioni tra le “regole del gioco” (Decisione Quadro, leggi di attuazione, norme costituzionali, diritto penale, diritto processuale, giurisprudenza, ecc.), l’evidente disomogeneità delle richieste effettuate e delle decisioni da parte dei vari Paesi e i problemi relativi all’esecuzione.
  • La seconda area riguarda la dimensione organizzativa del fenomeno, la procedura e le prassi operative che caratterizzano l’implementazione del MAE. In particolare, il coordinamento e le modalità di comunicazione tra i numerosi attori coinvolti a livello nazionale ed europeo, quindi le caratteristiche del sistema informativo (i.e. SIS), le problematiche connesse sia all’emissione del MAE, sia alla procedura di consegna, la presenza di strumenti di informazione (es. vademecum), la necessità di corsi di formazione a livello nazionale e comunitario.
  • La terza area, infine, riguarda il problema della valutazione dello strumento MAE nelle diverse prospettive, con una riflessione sui i meccanismi di monitoraggio e valutazione attualmente esistenti a livello nazionale ed europeo, ed eventuali proposte di modifica.

Inoltre, l’incontro ha l’obiettivo di promuovere la discussione di ulteriori criticità, e riflessioni sull’utilizzo del MAE che ciascuno dei partecipanti vorrà portare all’attenzione dei presenti.

La giornata si articola in una breve introduzione da parte dei ricercatori sui singoli temi oggetto di discussione, seguita da un ampio dibattito da parte di tutti i partecipanti al seminario.

Partecipanti

Silvia Allegrezza (Università di Bologna); Alberto Candi (Procura generale presso la Corte d’Appello di Bologna); Davide Carnevali (IRSIG-CNR); Irene Casol (Corte d’Appello di Venezia); Alessandra Cerreti (Procura della Repubblica di Reggio Calabria); Guido Coppola (Ministero degli Interni); Gaetano De Amicis (Corte di Cassazione); Giuseppe Di Federico (Università di Bologna); Giuseppe Di Giorgio (Procura della Repubblica di Bologna); Alessandro Di Taranto (Ministero della Giustizia); Marco Fabri (IRSIG-CNR); Roberta Favari (Ufficio formazione Distretto di Corte d’Appello di Bologna); Michele Panzavolta (Università di Urbino); Marco Velicogna (IRSIG-CNR); Alberto Zaina (Avvocato in Rimini); Vilma Zini (Procura generale presso la Corte d’Appello di Bologna).

Venue

Map
Venue:
CTLab c/o Giudice di Pace Bologna   -   Website
Street:
Ilio Barontini, 16
ZIP:
40138
City:
Bologna
State:
Bologna
Country:
Country: it

Registered Users:

You have to login to register for this Event.
 
Joomla 1.5 Templates by Joomlashack