Independence and accoutability of judges and prosecutors Print

 

L’indipendenza della magistratura in Italia: una valutazione in chiave comparata
Giuseppe Di Federico, in "Rivista trimestrale di diritto e procedura civile", Anno LVI, Fasc. 1, 2002

Per chi rivolge la sua attenzione alle riforme della giustizia con particolare riguardo all'indipendenza della magistratura e alla divisione dei poteri, il caso italiano riveste un particolare interesse per almeno tre ragioni:
a) tra i paesi di civil law con un sistema democratic0 consolidato, l'Italia b senza dubbio quello in cui l'indipendenza della magistratura ha raggiunto i più elevati riconoscimenti, sia con riferimento alla molteplicità delle norme formalmente intese a tutelarla, sia per il modo in cui tali norrne sono state interpretate;
b) il caso italiano mostra che allorquando il valore dell'indipendenza della magistratura viene perseguito come fine a sé stesso a spese di altri importanti valori (quali la responsabilità e le garanzie di competenza professionale) si generano effetti marcatamente negativi per il funzionamento dell'apparato giudiziario. Effetti che, paradossalmente, si rivelano dannosi per la stessa indipendenza dei magistrati;
c) 1'Italia è l'unico paese a consolidata democrazia dove i pubblici ministeri (p.m.) godono delle stesse garanzie di indipendenza dei giudici.